Browse By

Telegram sfida Whatsapp nel mercato della messaggistica

In questo articolo abbiamo messo a paragone le due note app di messaggistica: Telegram e WhatsApp. Quale delle due fa al caso vostro?

Telegram nasce nel 2013 da un’idea dei fratelli Nikolai e Pavel Durov. WhastApp è decisamente più diffusa (oltre un miliardo di users in tutto il mondo), ma stiamo assistendo a una vera è propria competizione per la conquista del mercato della messaggistica istantanea. Alcune caratteristiche di Telegram la rendono decisamente superiore a WhatsApp, ma quest’ultima non sembra cedere grosse fette di utenza.

Telegram è un’App gratuita di messaggistica focalizzata sulla velocità e sulla sicurezza, disponibile per Android, iOS, Windows Phone, Windows 10 e altre piattaforme. Si sincronizza istantaneamente tra tutti i dispositivi e può essere usato su desktop, tablet e telefoni. A differenza di WhatsApp non bisogna per forza avere l’App installata sullo smartphone per usarla anche da computer.

Il numero di messaggi, foto e video che potete inviare con Telegram è infinito e non ci sono limitazioni in base alla tipologia di file. A differenza di Whatsapp, su Telegram si possono cancellare i messaggi inviati nelle chat di gruppo e in quelle uno a uno. Ci sono 48 ore a disposizione per tornare sui propri passi e elilminare il messaggio inviato, che la persona a cui è stato mandato l’abbia visualizzato o meno.

Se cercate qualcosa di nuovo, divertente e di impatto, Telegram mette a disposizione gratuitamente una quantità infinita di stickers tematici, più grandi delle normali emoticon: animali, fumetti, celebrity, politici, trend del momento.

In Telegram si può chattare con un Bot, ossia un contatto virtuale che risponde automaticamente a un certo tipo di domande. Per esempio, si possono trovare Bot per sapere le previsioni meteo, per cercare video su Youtube, per trovare immagini, stickers, gif, informazioni su Wikipedia, per avere notizie circa ultimi film e telefilm disponibili su Netflix, per essere aggiornati sulle migliori offerte di Amazon e tanto altro. Per aggiungerli, basta cercare i loro nomi in chat, nella barra in cui solitamente si cercano i contatti, semplicemente digitando «@meteo», «@netflix», «@amazon», «@youtube» e via dicendo.

Per concludere, Telegram è l’unica vera alternativa a WhatsApp, ma per ora in Italia non è ancora abbastanza diffuso per assicurare la copertura capillare dei contatti che permette WhatsApp. Vi assicuriamo che vale la pena provare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *